ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Ottobre2010-Daniela D'Arrigo_il senso delle scale4 (1 in linea) (1) Visitatore
Vai a fine pagina Rispondi al messaggio Preferiti: 0
Discussione: Ottobre2010-Daniela D'Arrigo_il senso delle scale4
#4836
mary (Admin)
vivi e lascia vivere
Admin
Messaggi: 2219
graph
Utente in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Socio Nr.: 140 Sesso: Femmina http://maryindelicato.wix.com/fo Ubicazione: catania Compleanno: 1973-01-28
Ottobre2010-Daniela D'Arrigo_il senso delle scale4 13 Anni, 3 Mesi fa Karma: 30  
Recensione di Francesco Barbera


Abbiamo già apprezzato la ricerca di Daniela nella sua interezza al Med Photo Fest, dove voci autorevoli li presenti alle quali è stata sottoposta sono partiti da un' analisi in primis legata alla tecnica fotografica e alla stampa bianconero, che avrebbe poi dovuto portare la discussione al "senso" di queste scale (non so se poi sia andata realmente così...).
E già... "il senso delle scale", questo titolo del portfolio (da cui estraggo questa immagine) ci stimola vari quesiti e anticipa parte della personalità complessa, provocatrice e sensibile dell' autrice, che vorrebbe coinvolgerci in riflessioni di un animo profondamente permeabile agli "strattoni" della vita. Condividiamo credo tutti il pensiero che nelle scale della vita, ma volendo anche in quelle puramente architettoniche, vige il " doppio senso " di circolazione...si sale e si scende liberamente e non ci sono limiti né di velocità né di sorpasso e tutti lo abbiamo verificato o lo verificheremo sul campo. Ma allora che altro o doppio "senso" ci chiede di condividere l' autrice con le sue scale ? Un " senso di vertigine" per questi tagli che non fanno intravedere la fine del baratro? un " senso geometrico " per la ritmicità degli elementi strutturali tipici delle scale? un " senso di stanchezza " pensando alla fatica di doverle salire? o forse un " senso di gradualità" ...uno "step by step" che dovrebbe aiutarci a raggiungere obiettivi prefissati... credo che ognuno di noi potrebbe trovare molti altri sensi nelle scale, anche e non ultimo un puro senso estetico che trova piena giustificazione nella bellezza dell' opera architettonica in se.
Quanti interrogativi...quanti spunti... quando sono tanti l' immagine non passa mai inosservata.
Nelle famose opere di Maurits Cornelis Escher , già citato nei commenti , una varia umanità si muove vorticosamente in un insieme di scale impossibili e irrealizzabili, paradossali , costruite attorno a figure poliedriche, chiuse in un ciclo infinito, disegnate avvalendosi di stranezze della percezione e della prospettiva . La figura umana inserita da Daniela invece non sale e non scende,è sola e statica a metà del suo possibile e reale percorso : medita forse... ma punta in alto e questo è l' importante: alla fine di questa discussione ecco dunque il mio augurio per l' autrice e per la sua intrigante provocazione fotografica: sei a metà della tua scala,a volte scendi e a volte sali, fermati e riposa quando serve... ma guarda sempre verso l' alto !
P.S. l' autrice tempo fa mi chiese consiglio per il titolo da dare a questa foto... eccolo..."foto del mese di Ottobre"...complimenti!


complimenti!!!!
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
http://maryindelicato.wix.com/fotomary

canon 6d+canon 7d+ canon40d+24/70 tamromn-17-55 canon +350d+ 1.8 canon 70-300- fish 8mm-
my gallery
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all'inizio pagina Rispondi al messaggio
Powered by FireBoardscarica gli ultimi messaggi sul tuo computer!

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png