ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. (1 in linea) (1) Visitatore
Vai a fine pagina Rispondi al messaggio Preferiti: 0
Discussione: Il mosso! ovvero esiste un modo diverso.
#6711
alb.o (Utente)
utente gold
Messaggi: 359
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: Catania Compleanno: 1973-03-08
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 2  
la facciata del parlamento...
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#6712
alb.o (Utente)
utente gold
Messaggi: 359
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: Catania Compleanno: 1973-03-08
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 2  
alcune sculture di Arman...
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2012/05/02 21:21 Da alb.o.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#6713
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 1122
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 9  
Pam….zip

Seguire a distanza il dibattito sereno e lo scambio di opinioni di due amici appassionati di fotografia è un autentico piacere che diventa, poi, motivo di soddisfazione quando rintracci nell’esposizione del loro pensiero un approccio espositivo e razionale cui ti senti di appartenere, quanto meno perché ne condividi l’assunto, gli esempi, i punti d’incontro e di contatto.

Muovendo da questa premessa, non dovrei intromettermi nell’esposizione appassionata e sperimentata di Emanuele e di Alberto ma mi sento di farlo per quel bisogno che gli “scolastici” medievali chiamavano explicatio terminorum ovvero necessità di chiarire, più che stabilire, dei punti fermi e condivisi per evitare di perdere la qualità e il pregio della riflessione.
Pertanto:
- Siamo tutti d’accordo che se il soggetto di una fotografia si muove mentre l’otturatore scatta, la sua immagine rimarrà mossa sulla superficie della pellicola o del sensore. Non importa se il soggetto si muova lentamente o se l’otturatore si apra o si chiuda velocemente: l’immagine, in ogni caso, si muove. A causa di questo movimento il file, il negativo, o la stampa derivata, potranno apparire – in modo più o meno marcato – non nitidi e, se ingrandiamo, il fenomeno sarà più evidente.
- Tuttavia, con svariati accorgimenti, possiamo evitare “l’inconveniente” e ottenere un nitore assoluto; così come possiamo volutamente raggiungere il contrario ovvero “un’altra immagine”.

Avete già capito dove intendo portarvi:
c’è un mosso che sta nel “cosa”, nel referente che tanto amiamo (atteso che lo andiamo a scovare puntandogli addosso l’obiettivo); talvolta esso stesso è l’oggetto da riprendere o la qualità del “cosa”di cui non possiamo prescindere.
E c’è un mosso, invece, che non appartiene a ciò che stiamo guardando ma è il nostro modo di “esprimere” proprio quel qualcosa, quel qualcuno.

Questo mosso non obbedisce alla regole della meccanica e della fisica, e neppure del tempo, ma, ben volentieri, si sottomette a quelle della volontà del nostro sentimento (occhio, cervello e cuore); é il mosso che non sta davanti all’obbiettivo ma dietro; è lo strumento di cui ci avvaliamo per “connotare” quel mondo che ci sta accanto, ancorché dentro o fuori di noi.

Non c’è un automatico modo di gestirlo: è un problema di sensibilità comunicativa, in altre parole, desiderio di farci comprendere.

Il miliziano che cade morente, o le pallottole sulle spiagge della Normandia sono oggettivamente mosse, così come è mossa la fifa e la tensione. Ma Haas non avrà la stessa preoccupazione di Capa; la sua “IDEA” fotografica nasce da una differente esigenza di documentare e narrare.
Così come l’uso inappropriato di uno scalpello spuntato tra le mani di uno scultore, può divenire “segno” e, quindi, metafora dell’inadeguatezza del confronto tra la volontà di scolpire e la resistenza dura della materia, il mosso, reale o cercato, può assolvere egregiamente la funzione di strumento retorico per raggiungere possibilità espressive altrimenti non comunicabili.
Quindi il “mosso” è solo uno strumento a nostro uso e capriccio? Non proprio.
L’amico Alberto, tenendo assai care le sue ricerche professionali, giustamente sente il mosso dei Bongiorno e dei Carlisi come elementi sia tematici che poetici, e insieme, capaci di comunicare qualcosa che, di primo acchito, può apparirci inespressivo.
Eppure, tecnicamente parlando, Carmelo B. “combina” il mosso” con la provocata sfocatura (soprattutto dei riflessi) e Franco C. adopera risolutamente il flash per bloccare il protagonista in primo piano e lasciare che lo sfondo (non raggiunto dalla luce) si autodetermini nel tempo lento dell’otturatore. Due mossi posticci?
No, assolutamente: il primo mosso, strumentalmente confessa l’esistenziale incapacità o impossibilità di percepire distintamente, laddove il secondo, altrettanto strumentalmente, intende far emergere il presente dal remoto, dal distante, dal mondo fatto ormai di ombre che fuggono. E ci riescono benissimo, e paradossalmente!
Ma vorrei dimostrarvi direttamente quanto ho provato a esprimervi. Prendo a pretesto, e non mi scuso (perche sarò perdonato), il tempo della Lucca di Alberto:
QUELLO E’ ADDIRITTURA UN MOSSO SONORO!
Il suono del silenzio? Beh, perchè no.
Qua e là, evocato e sotteso, anticipa l’impaccio di una confidenza, l’attesa di una rivelazione.
S’affaccia da una finestra, si nasconde nell’ombra, si fa riflesso, eco, bagliore, ascolto, nostos ed algos ma, anche, fiducia nella luce del giorno nuovo. (Oh grande, immenso, Ackermann!!!!). E senza bisogno di scie, senza cancellare il referente (non è che il mosso sia un inconscio rifiuto della normale visione del mondo?), semmai accordandogli il fremito del sentimento e, magari, con pudore, chiedendogli di lasciarsi fotografare con uno scatto meno …. nervoso.
Henri Cartier-Bresson, che Manuel porta sempre con sé, ha catturato meglio di tutti il mosso che io intendo, restituendoci il dinamismo del documento (laddove il documento questo possedeva) e, nel contempo, spiegandoci che l’attimo si rivelava decisivo perché una geometrica esposizione del mondo invitava il medesimo a dialogare con noi semplici lettori, mentre lui, fotografo, tra tanti accadimenti e tumulti emotivi, spariva.

E quel cretino di Pippo, invece, a questo punto, avrebbe gridato: “Fermi tutti, vi prego, ricominciate daccapo” oppure, e peggio: “Vi raccomando. Diaframmi stretti solo se potete, tempi ritardati e Iso 1600”
NON DATEGLI RETTA!!!!!
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2012/05/03 13:26 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#6714
Caristofane (Utente)
Carpe diem!
utente platinum
Messaggi: 447
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Socio Nr.: 409 Sesso: Maschio Compleanno: 1964-12-15
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 2  
Piccola considerazione sopra le righe: un paradosso.
Nel nostro mondo tutto ciò che vediamo è in movimento, o quasi (panta rei). Nella foto tutto viene fermato. La macchina fotografica è concepita per fermare il tempo (e quindi anche il movimento). Il mosso fotografico ci appare innaturale in quanto viene percepito dai nostri sensi in maniera diversa rispetto al nostro cervello che anche nel movimento crede di percepire tutto nitidamente.
Quindi il movimento in fotografia non esiste! Farnetico?
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
E\' un\'illusione che le foto si facciano con la macchina... si fanno con gli occhi, con la testa e con il cuore.
Henri Cartier-Bresson

Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni.
Andreas Feininger
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#6715
alb.o (Utente)
utente gold
Messaggi: 359
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: Catania Compleanno: 1973-03-08
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 2  
"Eppur si muove"!
Galileo Galilei (1564/1642)

 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#6716
Caristofane (Utente)
Carpe diem!
utente platinum
Messaggi: 447
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Socio Nr.: 409 Sesso: Maschio Compleanno: 1964-12-15
Re:Il mosso! ovvero esiste un modo diverso. 12 Anni, 2 Mesi fa Karma: 2  
I !
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
E\' un\'illusione che le foto si facciano con la macchina... si fanno con gli occhi, con la testa e con il cuore.
Henri Cartier-Bresson

Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni.
Andreas Feininger
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all'inizio pagina Rispondi al messaggio
Powered by FireBoardscarica gli ultimi messaggi sul tuo computer!

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png

  

Login utenti






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Ultim'ora..dal forum

Re:buon natale acaf
PipPap 23-12-22 12:03
buon natale acaf
PipPap 23-12-22 08:53
Paolo Ferrrari: fotografo al quadrato
PipPap 07-12-22 16:52
Un nuovo libro di tiziana Sparacino
PipPap 05-12-22 09:28
Antonio Pignato: una speranza, una conferma
PipPap 30-11-22 09:28
la lettura "babba"
PipPap 16-11-22 09:27
Miriam Scalisi ed i suoi angeli caduti
PipPap 09-11-22 11:04
Una storia del ritratto:Prodger - Einaudi
PipPap 31-10-22 18:44
Re:inauguriamo anno sociale con TonyGentile
mary 19-10-22 14:39
inauguriamo anno sociale con TonyGentile
PipPap 19-10-22 11:13