ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Welcome, Guest
Please Login or Register.    Lost Password?
Ritratti fotografici e liberatorie. (1 viewing) (1) Guest
Go to bottom Post Reply Favoured: 0
TOPIC: Ritratti fotografici e liberatorie.
#5130
Caristofane (User)
Carpe diem!
utente platinum
Posts: 447
graphgraph
User Offline Click here to see the profile of this user
Socio Nr.: 409 Gender: Male Birthdate: 1964-12-15
Ritratti fotografici e liberatorie. 9 Years, 8 Months ago Karma: 2  
Ho letto sul forum la liberatoria postata da Manu.
Cosa si "rischia" dal punto di vista legale ad esporre un ritratto "rubato" per strada, per così dire.
Che fare se si tratta di un'immagine presa magari al volo in condizioni che non permettono di fermare lo sconosciuto.
E se la foto è stata fatta in un paese straniero, dove per motivi di lingua non è appunto possibile ottenere una liberatoria?
Quali sono i rischi legali e per quali usi? Solo in caso di uso lucroso (es. Vendita di fotografie) o anche in caso di mostre, concorsi o pubblicazione su internet?
 
Report to moderator   Logged Logged  
 
E\' un\'illusione che le foto si facciano con la macchina... si fanno con gli occhi, con la testa e con il cuore.
Henri Cartier-Bresson

Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni.
Andreas Feininger
  The administrator has disabled public write access.
#5134
martenas (User)
l'uomo che racconta l'uomo
utente junior
Posts: 54
graphgraph
User Offline Click here to see the profile of this user
Gender: Male martenas@hotmail.com Location: Catania Birthdate: 1972-07-21
Re:Ritratti fotografici e liberatorie. 9 Years, 8 Months ago Karma: 3  
Ciao , è un problema che ci poniamo noi fotoamatori i quali amano fotografare scene di vita reale per la strada, le cose non sono così semplici,

In sede ne abbiamo parlato tanto, anche grazie all' Avv. Pippo Pappalardo e cosi' mi sono convinto di trarre vantaggio da una norma che escluderebbe il consenso dell’interessato allorquando il fotografo abbia agito con semplici finalità artistiche.

Penso, non senza tuttavia rammentare che nella pratica i problemi sorgono solo quando c'è odore di soldi, sicché normalmente i fotoamatori possono continuare (ed infatti continuano) a scattare per la strada senza farsi troppi problemi ed a fare mostre, concorsi e pubblicazioni.

Ciao.
 
Report to moderator   Logged Logged  
  The administrator has disabled public write access.
#5143
PipPap (User)
utente platinum
Posts: 935
graphgraph
User Offline Click here to see the profile of this user
Gender: Male Location: catania Birthdate: 1952-11-11
Re:Ritratti fotografici e liberatorie. 9 Years, 7 Months ago Karma: 9  
Questa rubrica era stata inserita nel sito, su intelligente invito di Mary, per cercare di dare concrete risposte alle domande di natura legale, amministrativa, o genericamente giuridica, relative alla nostra passione fotografica (professionale, amatoriale, altro) ed ai problemi che essa comporta o fa scaturire (diritto alla tutela della propria immagine, privacy, proprietà delle immagini fotografiche , sfruttamento commerciale etc...).
Nelle mie intenzioni c'era il desiderio "non" di rispondere a singoli quesiti di natura pratica ma di offrire, di volta in volta, esempi di sentenze, massime, risoluzioni ministeriali che in qualche modo potessero guidarci fra le nozioni elementari di diriitto che, a tutela della propria opera e per rispetto degli altri, ogni fotografo (amatore o professionista) deve avere.
Mi scuso con l'ACAF per non aver onorato questo impegno con la rubrica ma gli Acaffini mi daranno testimonianza che ogni qualvolta c'è stata la necessità di chiarire gli aspetti giuridici della nostra passione non mi sono tirato indietro e, singolarmente e collettivamente, ho messo disinteressatamente a disposizione degli amici la mia professionalità e il mio consiglio.
Tanto premesso per far capire che in questa sede è importante comprendere i principi generali del nostro sistema legale e, conseguentemente, la tutela e l'applicazione dei medesimi: i singoli casi, le materie specifiche, per mia convinzione e scelta, non devono essere affidati al web ma, anche attraverso il web, portati davanti al professionista specializzato che, in separata sede, darà risposta a quel problema, a quella specifica domanda (anche a tutela di chi chiede il parere).

E vengo al problema di cui sopra, nello spirito di quanto già detto:
- la cosiddetta "liberatoria" è una dichiarazione (anche a carattere unilaterale) di natura negoziale con la quale le parti dichiarano e sottoscrivono, sotto la piena e propria responsabilità, i limiti e le forme di sfruttamento dell'immagine della propria persona o dell'uso di una fotografia che la riguarda;
- in funzione dei limiti e delle forme, ogni caso di sfrutamento deve essere tassativamente previsto e descritto sia sotto il profilo oggettivo (esempio: uso pubblicitario e tipo di pubbliicità, concorso fotografico, illustrazione di libri e, conseguentemente, durata della pubblicità, tipo di concorsi, tipo di illustrazioni), sia sotto il profilo soggettivo ovvero se chi ci da la liberatoria è persona che una tantum si è fatta fotografare (modalità e tipo di compenso) oppure è un singolo/a professionista o dipendente di agenzia (ed allora bisogna tener conto dell'intermediario),
- la forma adottata dalla liberatoria deve essere uguale sia che ci sia stata offerta la disponibilità dell'immagine dietro compenso sia che ci sia stata offerta gratuitamente (attenzione ai minori di età, alle persone invalide. o in stato di detenzione etc..);
- la forma della liberatoria può accompagnarsi o contestualizzarsi insieme alla fattura, alla ricevuta, al contratto con l'agenzia, alla sottoscrizione di partecipazione in seminari, stages o quant'altro.
Sulla base di quanto detto non può esserci una "modulistica" adatta a tutte le evenienze ma una dichiarazione che di volta in volta deve essere predisposta a secondo delle necessità e delle circostanze che devono essere valutate attentamente dalla parti ed in ogni caso conosciute.
Se stiamo parlando di "liberatorie" devo presumere che il fotografo ha contatto con il titolare dell'immagine realizzata, o del fotografo, e che la stessa sia stata raccolta per determinati motivi (leciti ovviamente): lo rammento perchè le disposizioni di legge attuali consentono la ripresa di personaggi oggettivamente famosi, o ritratti in circostanze notorie e pubbliche, o raccolte casualmente accanto questi personaggi, etc.. secondo casistiche che facilmente potrete trovare nel web (e per tale sfruttamento, entro certi limiti, non c'è bisogno di liberatorie).
Per essere ancora più concreti: il devoto di Sant'Agata ripreso in mezzo ala festa e nell'emozione della festa non potrà lamentarsi di una lesione della sua immagine per una semplice fotografia. Ocorrerà una liberatoria se l'eventuasle sfruttamento commerciale dovesse indirettamente nuocere non alla sua immagine di devoto ma a quella di cittadino (esempio: il devoto si è arrampicato sulla statua della chiesa con pregiudizio dalla medesima - ma chi mi dice che non era in posa per iln fotografo? - e qui cominciano i guai).
E mentre scrivo mi rendo conto della difficoltà o dell'ambiguità degli esempi (Martena invece è stato lapidario nel suo intervento) e, pertanto, vi rimando ad uno specifico appuntamento di approfondimento che potremmo realizzare in sede magari preparando le questioni da affrontare.
Per una casistica specifica e personale vi prego di consultarmi direttamente (e non per problemi di onorario)
 
Report to moderator   Logged Logged  
 
Last Edit: 2011/02/08 17:53 By PipPap.
  The administrator has disabled public write access.
#5150
mary (Admin)
vivi e lascia vivere
Admin
Posts: 2200
graph
User Online Now Click here to see the profile of this user
Socio Nr.: 140 Gender: Female http://maryindelicato.wix.com/fo Location: catania Birthdate: 1973-01-28
Re:Ritratti fotografici e liberatorie. 9 Years, 7 Months ago Karma: 30  
Decisamente si caro Pippo, la tua disponibilità e gentilezza sono ben note a tutti noi acaffini e per questo non finiremo mai di ringraziarti.

questa infatti non era nata come una sorta di rubrica " l'avvocato risponde", ma è nata ed è stata preparata qualora tu potessi e volessi , tempo , lavoro, famiglia permettendo, illuminarci con sentenze e quant'altro ritenessi utili a noi fotoamatori.

è ovvio che ogni quesito è una storia a sè e andrebbero conosciuti tutti i particolari del caso per potersi esprimere e non è certo questa la sede.

Per il futuro ce ne ricorderemo bene, e in caso di futuri quesiti , inviteremo la persona, così come hai scritto tu, a contattarti personalmente.


grazie sempre


 
Report to moderator   Logged Logged  
 
Last Edit: 2011/02/03 23:21 By mary.
 
http://maryindelicato.wix.com/fotomary

canon 6d+canon 7d+ canon40d+24/70 tamromn-17-55 canon +350d+ 1.8 canon 70-300- fish 8mm-
my gallery
  The administrator has disabled public write access.
Go to top Post Reply
Powered by FireBoardget the latest posts directly to your desktop

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png