ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Re: Antonella Russo: un libro per amare (1 in linea) (1) Visitatore
Vai a fine pagina Rispondi al messaggio Preferiti: 0
Discussione: Re: Antonella Russo: un libro per amare
#10620
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 1009
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Antonella Russo: un libro per amare 1 Mese, 1 Settimana fa Karma: 9  
Antonella Russo
Quattro storie d’amore e di fotografia
Jaca Bo €, 38,oo


Ho letto un libro bellissimo.
E mi ripropongo di leggerlo nuovamente e, perché no, di farlo leggere ai miei compagni di avventura e di poesia.
Di cosa si tratta, direte voi? Niente di nuovo, per carità, ma di assolutamente importante si, anzi di essenziale.
L’autrice, Antonella Russo, personalità ben nota nel mondo della critica e della storia della fotografia italiana, ha inteso sottolineare la necessità di proporre - con accurata documentazione e motivata riflessione – un contributo fondante per esplorare i nuovi campi di studio della cultura visuale.
Nel merito, ha privilegiato una scelta che può sembrare azzardata o, paradossalmente, sorpassata ma che, alla luce della sua meditazione, si rivela straordinariamente importante (anche per le nostre rappresentazioni e condivisioni fotografiche).
Si tratta di mettere in circolazione un discorso sulla “fotografia amorosa” (sic!), proponendo quelle soluzioni visive che, fra le tante altre, ci hanno fatto amare di più e meglio la fotografia, attualizzandone ed evidenziandone la necessità". Un recupero, pertanto, appassionato e sincero delle ragioni etiche di ogni estetica; ed inoltre, un esame risolto attraverso l'analisi di storici fotogrammi; una contemplazione, infine, dei vari stadi delle diverse intensità amorose: dall’innamoramento passionale, all’ amore-pietas verso la dolente umanità, fino al culmine del suo progresso che si realizza con l’amore incondizionato.
Programma ambizioso direte voi. Siamo invero di fronte ad un testo affermativo che “rivendica la necessità odierna di una fotografia d’amore (non sorridete, vi prego); una fotografia che reclama l’urgenza di una trattazione teorica delle immagini, in particolare quelle colme di tensioni umane e di avvicinamenti innamorati “da un sé verso l’altro”. Per ribadirne l’energia amorosa.
Poiché l’energia (l’attenzione) è qui intesa come amore, come flusso presente in noi e al di fuori di noi, che circola nelle immagini e che, come indica la scienza contemporanea, è forza coesiva sia fisica che metafisica, capace di armonizzare e sanare tutte le dicotomie e le aporie del sapere e del pensiero filosofico”.
L’autrice, con elegante capacità espositiva, ci guida negli esempi predisposti che sono racchiusi in quattro gruppi.
Il primo guarda all'amore-passione, al surrealismo e, pertanto, alle immagini che corredano l’opera letteraria di Andrè Breton e quindi a “Nadja” e “L’amour fou”; il secondo è rivolto alle famose storiche sequenze fotografiche di E.W.Smith e quindi alla sua sensibilità ed al suo impegno umanitario; quindi, il terzo, all’importanza, nella rappresentazione amorosa, dell’esperienza dell’icona – e stavolta tocca a Bourke White e al ritratto di Gandhi -; per chiudere, infine, sul discorso amoroso della fotografia familiare.

Pagina dopo pagina mi è sembrato di rivivere i giorni di questo strano anno che mi ha visto con un cuore "rinnovato" e, magari, più disposto ai buoni sentimenti (scherzo, ma non troppo).
In particolare, ho rivisto i momenti nei quali mi avete gratificato con i vostri pensieri, con le vostre immagini, con i vostri/nostri libri.
Tali momenti mi sono sembrati una conferma di quanto razionalizzato nelle pagine di questo testo. Come insegna la meccanica quantistica, infatti, l'energia distribuita nella materia sotto forma di particelle dinamiche e interconnesse vuole tendere verso un’unione. E così leggo tra queste pagine che anche la vostra avventura dello sguardo era qualcosa che aspettavo, per conoscere e conoscervi; qualcosa che mi/ci interessava e che, proprio per questo, abbiamo condiviso. Io lo supponevo ma la lettura di queste pagine me ne ha dato la prova.

Leggerete, quindi, di fotografia? Certamente.
Di scienza, di filosofia, di Plank, di Lacan, di Barthes, di Theilard de Chardin? Pure.
Qualcosa vi parlerà d’amore?
Beh, queste quattro storie vi ricorderanno che le parole che hanno accompagnato le vostre (e le nostre) imprese avevano il medesimo colore.
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2021/09/02 08:07 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10621
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 1009
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Re: Antonella Russo: un libro per amare 1 Mese, 1 Settimana fa Karma: 9  
d'amore e di fotografia
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2021/08/17 08:59 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all'inizio pagina Rispondi al messaggio
Powered by FireBoardscarica gli ultimi messaggi sul tuo computer!

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png