ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Concita De Gregorio, Chi sono io?, Contrasto (1 in linea) (1) Visitatore
Vai a fine pagina Rispondi al messaggio Preferiti: 0
Discussione: Concita De Gregorio, Chi sono io?, Contrasto
#10073
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 679
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Concita De Gregorio, Chi sono io?, Contrasto 7 Mesi, 1 Settimana fa Karma: 7  
Concita De Gregorio
Chi sono io?
Contrasto ed.
€. 22,00


Una domanda che non abbiamo mai smesso di formulare.
Una domanda nata con l’uomo, nel momento in cui si è distaccato dalle forze che l’hanno “formato”.
Una domanda, ancora, inevasa, che attende una risposta, nonostante gli sforzi dei poeti, dei filosofi, dei “semplici”, dei “poveri di spirito”.

Concita De Gregorio, giornalista e scrittrice, si confronta con questo interrogativo penetrando nella fenomenologia del fotografico e indagando i nuovi linguaggi e le nuove attitudini di un mezzo che ha connotato la nostra immagine (il chi siamo) negli ultimi due secoli.
Lo fa, rincorrendo la storia dell’autoritratto fotografico, recuperando il pirandelliano ragionamento intercorrente tra identità e reputazione.
Alla luce di quell’assunto, cosa sta cambiando il nuovo dispiegamento di forze del gesto fotografico?
E quest’ultimo, è ancora racchiuso nel “mistero del tempo” o è solo espressione (legittima, per carità) del “mero desiderio” di fotografare?

La nostra autrice interroga le fotografe, e la fotografia femminile, trovando in quel versante una maggiore sincerità e un maggiore coinvolgimento; e invece di tracciare un possibile percorso per le sorti di quella fotografia (sconvolta dai social e da internet) ne vien fuori con una storia, anzi, tante storie, tutte al femminile, che restituiscono dispositivi narrativi e retoriche espositive formulati specificamente attraverso il desiderio del "fermarsi a guardar".
A guardarsi e stupirsi di quanto siamo ricchi e complessi (mai complicati).
Il libro edito da Contrasto è inserito nella collana “In parole”, e allarga la proposta, già arricchita in precedenti contributi, spingendo in una sortita più aderente alle istanze di quei fotografi che si puntano l’obbiettivo contro; contro il loro corpo, contro la loro anima; a volte contro la loro storia.
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2017/12/15 17:11 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all'inizio pagina Rispondi al messaggio
Powered by FireBoardscarica gli ultimi messaggi sul tuo computer!

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png