ACAF - Associazione Catanese Amatori Fotografia

 
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
ACAF Forum
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Re:remember (1 in linea) (1) Visitatore
Vai a fine pagina Rispondi al messaggio Preferiti: 0
Discussione: Re:remember
#10503
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 931
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
remember 3 Mesi, 3 Settimane fa Karma: 9  
In questi giorni i medici di tutto il mondo stanno testimoniando che la loro vocazione professionale fu dettata da un desiderio:
"chè i ciliegi tornassero in fiore" (F.De Andrè).

Vi propongo questa istantanea di quel genio di Eugene W. Smith.
E' il penultimo fotogramma di un servizio che poi si titolò "il medico di campagna", che apparve su Life, anno 1948, e che ritrae il medico Ernest Ceriani (di chiare origine italiane).
Sconforto (il parto è andato male)? Riflessione sul proprio operato? Richiesta di aiuto rivolta ad una sigaretta, ad un caffè?
Non lo sapremo mai.
Sappiamo, però, che lui c'è stato con umanità, dentro l'umanità; per condividerla senza se e senza ma.

Quel servizio, questa fotografia, provocò una plebiscitaria risposta dei cittadini americani.
"Ernest grazie! E non sentirti solo!" fu la carezza di milioni di lettori
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2020/03/22 14:07 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10504
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 931
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Re:remember 3 Mesi, 3 Settimane fa Karma: 9  
La riconoscenza verso quel medico si trasmise a tutti quei sanitari che, in silenzio e in dedizione, svolgevano la loro missione.
Nel 1951 (sic), negli ospedali, non c'era assistenza al parto per la gente di colore.
Le donne di colore, altro che otto marzo, si appropriarono del ruolo di levatrici per le loro donne. E dispensarono i loro sorrisi di "benvenuto" anche ai bimbi bianchi.
Smith, nel 1951, sempre su Life, raccontò queste storie e l'America cominciò a cambiare: la levatrice si chiamava Maude Callen.
Per noi fotografi sarà sempre "charity".
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2020/03/22 08:48 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10505
PipPap (Utente)
utente platinum
Messaggi: 931
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Maschio Ubicazione: catania Compleanno: 1952-11-11
Re:remember 3 Mesi, 3 Settimane fa Karma: 9  
I medici hanno sempre compreso la fotografia, perché sanno di semiologia, praticano la semeiotica e conoscono gli uomini e le donne, e le loro stagioni.
Il mio amico Enzo Cei, nel bellissimo lavoro "Trapianti" ha seguito il lavoro dei chirurghi sottolineandone il carattere corale del loro lavoro,
l'armonia del loro tempo, la corrispondenza tacita, la fiducia reciproca, il coraggio partecipato.

Rendo onore ai medici dell'ANMF (Associazione Nazionale Medici Fotografi), aderente alla nostra FIAF, per aver partecipato, in questi giorni, alla nostra sensibilità, le loro preoccupazioni e i loro allarmi
 
Riporta a un moderatore   Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 2020/03/22 08:49 Da PipPap.
  Per scrivere in questo Forum è prima necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all'inizio pagina Rispondi al messaggio
Powered by FireBoardscarica gli ultimi messaggi sul tuo computer!

Social network

Segui l'ACAF

instagram.png fb-art.png twitter-logo.png
youtube-128.png